OkunoKA Madness

OkunoKA Madness – Recensione

Dopo la recensione del gioco originale, ecco il nostro parere su questa nuova versione arricchita!

Data di uscita
08/09/2020
Versione testata
Nintendo Switch
Sviluppatore
Caracal Games
Publisher
Ignition Publishing
Genere
Arcade / Platform (masocore)
Lingua
Italiano
Il nostro Punteggio
8
Acquistalo da qui

Noi di GameScore abbiamo già avuto il piacere di parlarvi in numerose occasioni di OkunoKA, opera firmata dagli italianissimi Caracal Games e pubblicata dagli altrettanto nostrani Ignition Publishing. Dopo aver incontrato il team di sviluppo sia al Lucca Comics & Games 2018 che alla Milan Games Week dello stesso anno, in concomitanza con il suo rilascio (30/11/2018) ho personalmente aperto le danze con una recensione molto dettagliata, nella quale ho avuto modo di raccontarvi pregi e difetti di questo assurdo platform game votato alla difficoltà estrema, alla quale è seguito un video gameplay del buon Rockfort nel quale vi abbiamo mostrato Ka in azione dall’inizio dell’avventura fino al suo scontro con Pink Pepper, il boss del primo mondo. Non contenti abbiamo chiamato in causa Tommaso Bonanni, level designer che con la sua fantasia ha concretizzato su schermo il concept iniziale del gioco, per una lunga intervista con la quale scoprire qualche interessante retroscena sulla realizzazione del progetto.

Ed è proprio in questo ultimo articolo che Tommaso ci svelò di essere al lavoro su un DLC gratuito del gioco, capace di esprimere tutto il potenziale inespresso delle meccaniche originali di OkunoKA; un contenuto extra nel quale “aggiungere tutta la cattiveria possibile”, destinato probabilmente a quella fetta di pubblico che non si spaventa di fronte all’impennata improvvisa della curva di difficoltà di un videogame. Arriva così, a distanza di quasi due anni, OkunoKA Madness, una versione arricchita del gioco che porta con sé un intero mondo aggiuntivo (Madness per l’appunto) e qualche altra miglioria pensata per coloro che amano sfoggiare i propri record.

OkunoKa
Qualcuno sullo sfondo sta cercando di fuggire!

Prima di proseguire nel raccontarvi le novità di questa versione rivisitata di OkunoKA è bene mettere in chiaro alcune cose. Se possedete il gioco originale non è necessario che paghiate nulla per accedere ad OkunoKA Madness, l’unica cosa che dovrete fare è avviare il gioco e lasciare che il sistema lo aggiorni per voi. Se invece siete tra quelli che ancora non hanno ancora provato l’ebrezza di veder schizzare Ka a destra e sinistra dello schermo come un ballerino di danza classica, per voi è stato predisposto un pacchetto completo che può essere acquistato direttamente nel Nintendo Switch eShop allo stesso prezzo, ovvero a €14,99 (meritatissimi).

Un’altra cosa da fare è un brevissimo ripasso di cosa è stato per noi OkunoKA, titolo che gli stessi autori definiscono essere un platform masocore, un genere di giochi nei quali la sopravvivenza e la vittoria sono intenzionalmente rese estremamente difficili (uno degli esponenti più recenti di questo sadismo videoludico è Robbie Swifthand and the Orb of Mysteries). In OkunoKA nulla è lasciato al caso, e se credete che la sfida lanciata dal team di sviluppo sia solo una diceria sappiate che vi bastano pochi minuti in compagnia del protagonista per capire che per arrivare ai titoli di coda dovrete rimboccarvi per bene le maniche.

I livelli di OkunoKA sono molto brevi e densi di pericoli, ed accumulare una gran quantità di fallimenti è una delle prime cose alle quali dovrete fare l’abitudine. Ka è ovviamente in grado di correre, saltare ed aggrapparsi alle pareti, che può scalare molto rapidamente eseguendo un numero illimitato di piccoli balzi in successione. I nemici abbondano, così come alcuni elementi ambientali sempre pronti ad impedirci di raggiungere la fine dello stage corrente. Il nostro eroe possiede inoltre il potere di controllare alcuni elementi naturali quali il fuoco, il ghiaccio e l’elettricità. Attraverso la pressione dei tasti dorsali “L” e “R” dovremo infatti selezionare di volta in volta l’elemento necessario, per far comparire le giuste piattaforme a schermo e proseguire senza finire dritti a casa del tristo mietitore.

OkunoKa
I boss di OkunoKa sono tanto ispirati quanto str… temibili!

In tutto questo saremo costantemente pressati dallo scorrere del tempo, ed a seconda di quanto impiegheremo per terminare uno stage ci verrà assegnato un rank indicativo della nostra prestazione. Ed è proprio nel concetto dello scorrere del tempo che Caracal Games ha dedicato gran parte dei suoi sforzi per migliorare OkunoKA.

Tra le novità di OkunoKA Madness infatti troviamo la bellezza di tre nuove modalità dedicate agli speedrunner, con le quali competere con se stessi all’ultimo millesimo di secondo. Che vogliate cimentarvi nel perfezionamento del tempo di completamento di un singolo livello (boss esclusi), di un mondo intero, o in un set personalizzato di stage, sappiate che se amate ripetere ad oltranza un livello fino a raggiungere il vostro risultato migliore troverete in questa versione del gioco un pretesto per rimanere incollati al vostro pad per un numero indescrivibile di ore. Personalmente non amo questo tipo di pratiche, sono gusti ed io per esempio preferisco di gran lunga la caccia ai collezionabili, ma riconosco come in un titolo di questa natura l’introduzione di una modalità a tempo che si potesse chiamare tale era praticamente d’obbligo. Ancor più se consideriamo che un’altra miglioria presente in OkunoKA Madness è proprio stata pensata nel perfezionamento delle leaderboard, ora con risultati più granulari con i quali confrontarsi costantemente.

OkunoKA era già di suo un platform molto valido, anche se aveva qualche piccolo difettuccio che non lo rendeva adatto proprio a tutti i giocatori. Le dimensioni di Ka per esempio non erano delle più accessibili, e talvolta i livelli diventavano talmente tanto caotici che l’unico modo per proseguire era arrendersi e prendersi una pausa prima di ritornare al proprio pad più agguerriti che mai. Nel complesso comunque il gioco si può finire senza troppe difficoltà, a meno che non vogliate conquistare il tanto agognato 100%, che richiede una dose esagerata di abilità ed al quale solo i più folli possono realmente puntare. Il fatto di venire premiati con dei costumi alternativi era già di suo un ottimo stimolo a tentare il colpaccio, ed in OkunoKA Madness l’aggiunta di 5 nuovi easter egg indossabili è sicuramente un’aggiunta più che apprezzata.

Tra tutte le novità, però, quella a cui bramavo maggiormente era quel famoso mondo aggiuntivo. Venti nuovi livelli pensati solamente per farci soffrire, una premessa certamente non incoraggiante ma che tutto sommato esprime la summa maxima di tutto ciò che di buono avevamo vissuto a fine 2018. Il mondo Madness è affrontabile indipendentemente dalla campagna principale, ed è per questo che ho provato ad affrontarlo prima di riprendere confidenza con le meccaniche di gioco, giusto per testarne la vera crudeltà. Devo ammettere che però ne sono rimasto leggermente deluso; non tanto per la sua qualità, sicuramente in linea con quanto offerto dal resto del gioco, ma per il fatto che il livello di sfida non è stato palpabile quanto aspettato. Certo, per quanto riguarda i livelli segreti ci sarebbe da fare un discorso completamente opposto, ma nel complesso l’idea che mi sono fatto è che questo DLC poteva essere l’occasione per introdurre qualcosa di nuovo, qualcosa di non ancora esplorato, ed invece mi sono ritrovato tra le mani un (ottimo) more of the same, privo tra l’altro di boss battle.

OkunoKA Madness
Uno dei livelli del nuovo mondo introdotto in occasione del rilascio di OkunoKA Madness.

Tutto ciò che era già stato presentato in OkunoKA può essere ritrovato nel mondo Madness: razzi inseguitori, raggi laser, pretesti per utilizzare la lingua di Ka come fosse una fionda in grado di spararci a tutta velocità. Credo che sarebbe bastato poco per ravvivare il level design, dopotutto in sede di intervista ci era stato raccontato di una grande quantità di idee messe da parte, ma probabilmente il team di sviluppo si è concentrato molto di più sul consolidare la formula di gioco che sull’arricchirla, e noi non possiamo fare altro se non rispettare questa decisione… magari tutto ciò che è realmente nuovo lo vedremo prima o poi in un sequel!

Tirando le somme, OkunoKA Madness è pur sempre un ottimo pretesto per tornare a giocare in compagnia di Ka, nonostante si continui a percepire quel senso di potenziale inespresso che già si aleggiava nella versione originale. Se avete apprezzato il gioco nel 2018 lo farete sicuramente anche ora, e lo stesso vale per coloro che vi si approcceranno per la prima volta. All’epoca il mio giudizio fu un deciso 7.9, un nonnulla al di sotto del voto pieno che voleva lanciare un messaggio deciso al team di sviluppo. Quest’oggi sono stato tentato più volte di confermare il mio giudizio, ma devo anche dare conto ad un team che ha dedicato quasi due anni di lavoro per migliorare la propria creatura, offrendo il risultato in forma completamente gratuita a coloro che gli hanno dato fiducia fino ad oggi.

OkunoKA Madness
OkunoKA Madness – Recensione
OkunoKA torna a distanza di quasi due anni dal suo rilascio originale con una nuova versione arricchita, dedicata sia agli speedrunner che a coloro che amano il tasso di sfida tendente all'estremo. Sebbene nel complesso questo DLC non offra nulla di realmente nuovo o inedito, c'è da apprezzare lo sforzo fatto dal team di sviluppo per "chiudere il cerchio", e di averlo fatto in forma completamente gratuita! Quindi che dire se non grazie ragazzi per quello che avete fatto per la community, speriamo di risentirci presto per un nuovo elettrizzante progetto tutto italiano!
PRO
CONTRO
8
Dov'è la follia?
Acquistalo da qui
Amministratore, Caporedattore, PR, Webmaster