Corsair Dark Core RGB Pro – Recensione

Con il Corsair Dark Core RGB Pro, l’azienda californiana intende rispondere con forza alla sempre più agguerrita concorrenza che anno dopo anno si contende lo scettro del migliore mouse Gaming di fascia alta. L’eccessivo affollamento di prodotti da parte di nuovi e storici brand, ha dato vita a più sottogeneri di periferiche distinte per tipologia di giochi. Quindi se per i videogiocatori di MOBA e MMO il Corsair Scimitar RGB Elite può considerarsi il re indiscusso, non si può dire la stessa cosa per quanto concerne i giochi FPS, sopratutto se il mouse che dovremo scegliere sarà privo di cavo. A contendersi questo ambito titolo troviamo attualmente il Razer Viper Ultimate ed il Logitech G502 Lightspeed. Oggi però Corsair immette sul mercato il suo Dark Core RGB Pro, avente come obbiettivo proprio quello di affiancarsi ai due competitor o addirittura spodestarli. Sarà riuscita Corsair nella sua impresa? Scopritelo leggendo le righe a seguire.

Specifiche tecniche

Nome in codice Mouse: RGP0076; Dongle: RGP0089
Connettività wireless 2.4GHz SLIPSTREAM CORSAIR WIRELESS TECHNOLOGY, Bluetooth® 4.2 + LE
Connettività cablata USB 2.0 type-A lato PC, USB-C lato mouse
Tipo di batteria Batteria ai polimeri di litio incorporata
Ricarica batteria Ricarica mediante cavo fornito in dotazione collegato ad una porta USB del computer
Autonomia Wireless: fino a 16 con illuminazione accesa e 36 ore con illuminazione spenta.

Bluetooth: fino a 18 ore con illuminazione accesa e 50 ore con illuminazione spenta

Sensore Ottico PixArt PAW3392
Risoluzione 100 – 18,000 DPI, con step di 1 DPI
Frequenza di polling 1000/2000 Hz
Tasti 8 tasti + rotella
Vita dei pulsanti 50 milioni di esecuzioni (in riferimento a L/R)
Lunghezza del cavo 1,8 m
Peso del mouse 133g (senza cavo)
Dimensioni del mouse 127 x 89 x 43 mm
Compatibilità OS Windows, Mac
Software di gestione proprietario iCUE
Tipologia di giochi consigliata FPS, MOBA
Altre caratteristiche Tecnologia SLIPSTREAM (wireless + bluetooth e cavo), Illuminazione LED RGB e impugnatura intercambiabile

Packaging e Bundle

Il Dark Core RGB Pro viene venduto in una confezione di forma, struttura e colore tipica degli ultimi prodotti Corsair, caratterizzata dal contrasto di tinte giallo e nero che si alternano per ogni lato e dalla presenza di uno slogan, che per questo mouse è “win without wires” (vincere senza fili). Sul lato frontale troviamo un primo piano del mouse, mentre il lato posteriore è dedicato ad un elenco delle principali caratteristiche riproposto in più idiomi tra cui anche l’italiano.

All’interno della confezione ad affiancare il mouse troviamo un cavo in nylon intrecciato da USB-C a USB 2.0 type-A per ricaricare il mouse o usarlo in modalità cablata, il dongle USB per la connessione wireless, una impugnatura laterale intercambiabile e per finire vari manualetti cartacei, anche questi tutti inclusivi di lingua italiana.

Per l’occasione abbiamo immortalato il nostro unboxing con un video:

Nel dettaglio

Il Corsair Dark Core RGB Pro si presenta come un mouse dalle dimensioni medie e del tutto identiche ai precedenti modelli Dark Core RGB e Dark Core RGB SE. Da quest’ultimi eredita buona parte delle scocche interamente realizzate in plastica ABS, il design aggressivo e la caratteristica impugnatura intercambiabile del fianchetto laterale destro.

Corsair Dark Core RGB Pro

Il lato sinistro è stato ridisegnato, perdendo il gruppo di tre tasti (con tasto centrale dedicato alla funzione sniper) a favore della classica coppia di tasti pagina avanti/indietro e da una nuova sinuosa striscia di LED RGB. Supponiamo che tale scelta sia stata motivata dalle molteplici segnalazioni da parte dell’utenza, che considerava scomoda la vecchia configurazione.
Leggermente più avanti troviamo tre piccoli LED di stato che indicano profilo e step dei DPI.

 

Corsair Dark Core RGB Pro

Guardando il mouse dall’alto, risalta subito all’occhio la finitura gommata a rombi con al centro il logo Corsair retroilluminato, mentre lo schema dei pulsanti è composto dai due classici principali (click sinistro e destro) dotati di switch Omron da 50 milioni di click, da una rotella cliccabile con finitura gommata e retroilluminata, da un pulsante centrale dedicato al cambio “profilo DPI”, da un LED di stato batteria/wireless e per finire da due pulsanti ricavati dal bordo esterno del click sinistro e dedicati alla gestione del valori DPI previsti dal profilo selezionato.

Corsair Dark Core RGB Pro

Il lato destro del mouse non presenta alcun tasto, dimostrandosi un prodotto pensato esclusivamente per i destrosi. In compenso qui troviamo un’interessante elemento ergonomico, costituito da un’impugnatura laterale intercambiabile tra una soluzione verticale e liscia o in alternativa una pinna orizzontale che riprende la finitura a rombi ed evita il contatto del dito mignolo con la superficie del tappetino. Lo scambio tra le due impugnature è un’operazione estremamente semplice, grazie all’adozione di due magneti che assicurano in modo saldo entrambe le impugnature intercambiabili. Da notare come su questa nuova edizione del mouse, Corsair sia riuscita a ricavare uno spazio per il dongle wireless, ridisegnando i due magneti con i relativi incastri.

Corsair Dark Core RGB Pro

Totalmente ridisegnata è alche la base del mouse, dove ora troviamo ben cinque pad in teflon di varie dimensioni, di cui un sesto pad presente su una delle due impugnature intercambiabili appena descritte. Qui troviamo anche un’insenatura che ospita la porta USB-C per l’a ricarica o per l’utilizzo via cavo, un selettore a tre posizioni (modalità wireless, mouse spento e modalità bluetooth) e l’immancabile sensore che in questo caso è il modello PixArt PAW3392 da 18000 DPI. Un nuovo sensore ottico ancora più performante rispetto a quanto già visto sui precedenti modelli.

Il software iCUE di Corsair

Ritorniamo a parlarvi per la terza volta del software iCUE, software di gestione per tutte le periferiche dell’azienda californiana, capace di monitorare e gestire anche componenti interni al nostro case, come ad esempio RAM, sistemi di dissipazione, ventole e alimentatori. Ovviamente tutti i componenti devono essere di realizzazione Corsair.
Nelle precedenti occasioni, vi abbiamo parlato del software sempre in abbinamento ad un mouse, pertanto abbiamo dato per scontato la presenza delle solite opzioni… inutile dirvi che il software ci ha subito smentiti. iCUE in abbinamento al Dark Core RGB Pro presenta molte più opzioni, tra cui la presenza di profili DPI personalizzabili, di cui ogni profilo integra in se stesso tre differenti step di DPI. Questo ci permetterà di creare un profilo dedicato per ogni singolo gioco, dalla quale poi richiamare un determinato step di DPI e questo sarà possibile farlo direttamente da mouse mediante tasti dedicati, senza dover ritornare sul software iCUE.

Ovviamente sono presenti tutte le personalizzazioni possibili ed inimmaginabili riguardo l’illuminazione LED RGB, che su questo mouse vanta ben cinque zone, come anche tutte le altre personalizzazioni riguardanti tasti, sensibilità ed altri aspetti estremamente tecnici che interessano principalmente chi fa dei videogiochi una professione. Vi consigliamo di sfogliare la galleria delle immagini da noi proposta qui in alto per favi un’idea.

Impressioni d’uso

Con l’impressionante risoluzione di 18.000 DPI e una  frequenza di polling di 2.000Hz trasmessa attraverso una connessione wireless da 2,4 GHz, il Corsair Dark Core RGB Pro è preciso e reattivo esattamente come un mouse cablato. Con questo mouse abbiamo giocato ai nostri soliti Counter Strike Global Offensive e Fortnite, trovandoci meglio in modalità wireless che in modalità cablata. Il motivo è dato dal peso di 133g del mouse che unito alla rigidità del cavo fornito in dotazione, crea una sorta di resistenza che si fa sentire nei movimenti che necessitano maggiore rapidità d’esecuzione. Rimuovendo il cavo e impostando il selettore sulla modalità wireless, la libertà nei movimenti aumenta drasticamente e la tecnologia Wireless SLIPSTREAM proprietaria di Corsair riduce talmente tanto il fattore input lag da eliminare del tutto le differenze note ai videogiocatori tra periferiche cablate o senza fili.

Il mouse dispone anche di una seconda modalità senza fili che si affida alla tecnologia bluetooth, proponendosi come connessione alternativa dedicata alla produttività. Avendo più opzioni di connessione senza fili si avrà la possibilità di utilizzare il mouse con due differenti macchine o addirittura tre se consideriamo anche la connessione cablata. Ipotizziamo di avere un PC desktop a casa dedicato al Gaming ed un notebook che portiamo in giro con noi per lavoro o studio. In tale situazione saremo costretti a passare spesso da un tipo di ergonomia ad un’altro (tranne nel raro caso in cui disponiate di mouse identici per entrambe le macchine) con tutti i fastidi che ne conseguono, mentre in possesso del Dark Core RGB Pro ci basterà cambiare la posizione del selettore per essere subito operativi con la macchina che intenderemo utilizzare. Ovviamente questo è solo un esempio, ma in realtà la tecnologia bluetooth può rivelarsi utile anche per una questione di risparmio batteria. Infatti, l’autonomia del mouse varia in base al tipo di tecnologia di connessione senza fili che adoperiamo ed ovviamente al’utilizzo dell’illuminazione LED RGB. La batteria offre un’autonomia massima di 50 ore in modalità bluetooth che si riducono a 36 ore se sezioniamo la modalità wireless.

Corsair Dark Core RGB Pro

Quella di Corsair è sicuramente una periferica premium e questo lo si evince dalla scheda tecnica come anche tramite vista e tatto. I materiali sono gradevoli da toccare e l’estetica non è affatto male, sopratutto quando abilitiamo l’illuminazione LED RGB. L’assemblaggio poi è eccezionale, non presentando alcuna sbavatura o scricchiolio, anche se andiamo ad esercitare una pressione sul lato destro dove è presente l’impugnatura removibile che è tenuta salda dalla sola forza dei magneti. Potrebbe sembrare un lavoro ineccepibile quello di Corsair, eppure ritengo necessario raccontarvi quanto mi è personalmente accaduto nelle prime ore d’utilizzo di questo mouse. Dopo averlo spacchettato, ho subito messo il mouse in ricarica come suggerito nel manuale d’uso, dopodiché ho impostato la modalità wireless per effettuare qualche prova preliminare. Con mio stupore la freccetta del mouse aveva un andamento goffo e per nulla preciso, al punto da farmi sospettare in un prodotto nato difettoso. Spegnendo il computer, il mouse ovviamente entra in uno stato di stand-by, ma al riavvio non c’è stato verso di risvegliare il mouse, costringendomi a spegnere e riaccendere il mouse dal selettore per renderlo nuovamente operativo. Insomma un vero disastro! Insospettito dalla situazione ho installato il software iCUE, che ha subito rilasciato una notifica di disponibilità di aggiornamento firmware, sia per il mouse che per il dongle wireless. Fortunatamente una volta effettuati gli aggiornamenti il mouse è letteralmente rinato, eliminando tutti i difetti riscontrati in precedenza e riuscendo finalmente ad esprimersi in tutto il suo vero potenziale. Sicuramente trattandosi di un modello in anteprima, il firmware installato in fabbrica era da considerarsi solo provvisorio, ma non è questo quanto intendo raccontarvi. Infatti, nel frattempo più utilizzavo il mouse e più si accentuava un fastidioso dolore di postura all’avambraccio destro. Situazione del tutto insolita per me, che come recensore sono soggetto a vari cambi di mouse senza mai accusarne difficoltà, se non per un normale periodo di adattamento più o meno lungo in base all’ergonomia della stessa periferica e che comunque non sfocia mai in una situazione di dolore fisico. Anche in questo caso ne sono uscito fuori, prendendomi una mezza giornata di pausa per poi ritornare al PC senza riscontrare nuovamente il dolore. Ammetto che il tempo di adattamento a questo nuovo mouse è stato più lungo del solito, lasciandomi ancora ora che scrivo queste righe, qualche piccolo dubbio riguardo all’ergonomia. Sarà stato il passaggio da un mouse ultraleggero (Mars Gaming MMAX), sarà un caso sporadico o soggettivo, sarà semplicemente la vecchiaia che avanza, fatto sta che almeno inizialmente qualche problemino si è presentato e senza la pausa non so come si sarebbe evoluta la situazione. Con questo non intendo dire che il Corsair Dark Core RGB Pro sia un mouse scomodo, in quanto nei giorni successivi si è comportato sempre molto bene, semplicemente potreste ritrovarvi come nel mio caso in cui il periodo di adattamento potrebbe essere superiore al previsto e necessitare di qualche pausa.

Conclusioni

Ancora una volta Corsair ci ripropone una versione riveduta, corretta e potenziata di un suo precedente prodotto. Il Corsair Dark Core RGB Pro è un mouse Gaming Wireless di fascia alta, forte della tecnologia proprietaria SLIPSTREAM, che riduce l’input lag tipico delle connessioni senza fili, rendendo le performance indistinguibili rispetto ad una tipica soluzione cablata. Oltre alla connettività wireless è presente anche una seconda connettività senza fili basata sulla tecnologia bluetooth, permettendo al mouse di esprimersi al meglio anche in ambito produttività, grazie ad un’autonomia maggiorata della batteria interna che raggiunge così le 50 ore. Se siete dei videogiocatori con una cura maniacale della propria postazione, preferendo le lucine LED al disordine dei cavi, allora questo mouse Corsair è sicuramente la periferica adatta a voi.

Corsair Dark Core RGB PRO, Mouse Gaming Wireless/Con Filo, Sensore Ottico da 18.000 DPI, Tecnologia Slipstream, Otto Pulsanti Programmabili, Illuminazione Dinamica Multicolore RGB, Nero, CH-9315411-EU
  • Tre modalità di connessione: Tecnologia SLIPSTREAM WIRELESS inferiore a 1 ms, connessione Bluetooth wireless a bassa latenza oppure cavo USB
  • Sensore ottico wireless ottimizzato da 18.000 DPI: Sfrutta appieno e sensore ottico nativo PixArt PAW3392 personalizzato, ottimizzato per garantire un consumo basso
  • Tecnologia ”hyper-polling”: Consente la comunicazione con il PC con una velocità fino a 2.000 Hz, il doppio rispetto a quella dei mouse gaming standard

Ultimo aggiornamento: 2020-09-04 at 15:40

Corsair Dark Core RGB Pro – Recensione
PRO
Collegabile via cavo, bluetooth o wireless
Performance in wireless paragonabili ad una soluzione cablata
Qualità costruttiva generare e materiali di ottima fattura
Buona autonomia della batteria integrata (sopratutto in bluetooth)
CONTRO
Questa volta il software iCUE risulta poco intuitivo
L'ergonomia è buona, ma con qualche perplessità
8.5
Il wireless performante come un cablato
Amministratore, Caporedattore, PR, Grafico