EarthNight

EarthNight – Recensione

Il gioco che oggi tratteremo fa parte di un genere che su questo sito non abbiamo trattato poche volte: gli Infinite Runner. Con tale termine ci si riferisce a quei videogiochi dal sapore arcade in cui il giocatore deve, attraverso i pulsanti, proseguire in un percorso infinito raccogliendo potenziamenti al fine di aumentare il punteggio. Ebbene, EarthNight spacca letteralmente questo concetto, proponendosi come un videogioco strano dal potenziale incredibile. Scopriamo assieme cosa Cleaversoft è riuscita a fare, e vediamo se il risultato finale è soddisfacente!

EarthNight
Il gameplay di EarthNight è semplice. Co il controller sinistro si possono regolare salti e velocità del personaggio, mentre non B si salta. A seconda del personaggio o del potenziamento si possono presentare ulteriori azioni, tra cui il doppio salto, il salto lungo oppure lo scatto diagonale.

 

Nel mondo di EarthNight esistono molte cose strane ed inusuali rispetto al nostro mondo, e tra questi ci sono i draghi. Essi hanno preso il controllo della Terra ed hanno messo sotto scacco tutta l’umanità. Comunque sia, un uomo barbuto – Stanley – ed una ragazza dai poteri sovrannaturali – Sidney – decideranno di collaborare e partiranno in un’avventura inusuale, in cui si lanceranno dallo spazio infinito con lo scopo di fermare questa battaglia!

EarthNight è un videogioco platform-arcade con le basi di un infinite runner in cui il giocatore, a partire dallo spazio, dovrà raggiungere la Terra uccidendo tutti i Draghi. Raggiungere questo obiettivo sarà estremamente difficile, dato che queste bestie millenarie non si faranno eliminare facilmente. Una volta scelto il personaggio da utilizzare (Stanley oppure Sidney) la partita avrà inizio sul dorso di un drago, e sarà necessario seguire un percorso più o meno lineare per raggiungere la testa. Questo perché tutto il dorso è cosparso di nemici, trappole e piattaforme, e potrebbero persino tornare utili per ottenere bonus o simili. tra questi oggetti sono presenti bonus, modificatori di punteggio e le Uova, che aiuteranno il giocatore ad uccidere il Drago.

Una volta raggiunta la testa del mostro draconico, partirà la fase di attacco del giocatore. Tramite il pulsante B, infatti, il giocatore deve infilzare il cranio del drago al fine di ucciderlo ed ottenere oggetti e bonus. Il ritmo con cui bisogna attaccare cambia a seconda del caso, ma una volta fatto sarà possibile lanciarsi in aria al fine di selezionare quale sarà il prossimo bersaglio. Una volta aver “cavalcato” un certo numero di draghi l’area di gioco cambierà radicalmente. Più il giocatore si avvicina alla Terra, maggiori saranno le sfide da affrontare.

Come tutti i giochi di questo genere, ad un certo punto il giocatore verrà sconfitto e dovrà ritornare sull’astronave. Qui potrà cambiare il personaggio da usare, e sarà possibile consultare gli oggetti trovati. Ciascuno di essi ha un valore che cambia da partita a partita, e determinati materiali permetteranno di sbloccare/potenziare determinati bonus. Ridendo e scherzando il gioco può essere riassunto in questo modo: l’utente fa una partita, muore, controlla se qualcosa si può potenziare ed infine si ritorna ad uccidere draghi.

EarthNight
Stanley oppure Sidney? Bella domanda, dato che sono personaggi diversi. Stanley gioca molto sui salti brevi e corti, mentre Sidney ha il doppio salto ed un approccio più “tecnico”. Stanley a benissimo per i novizi, mentre Sidney da’ il suo massimo potenziale dopo aver capito le basi di gioco. Nota bene: è possibile potenziare la salute del personaggio se questa risulta troppo bassa, ed il gioco non ha adattamenti in italiano.

Questa spiegazione finale è corretta, ma per certi versi è troppo approssimativa. In EarthNight bisogna infatti affrontare una difficoltà più o meno crescente, dato che ad ogni fase bisognerà affrontare aree più complesse (le quali vengono generate randomicamente) e creature con un pattern di mosse sempre più variegato. Trappole, “boss fight” oppure eventi possono essere all’ordine del giorno, ma il giocatore dovrà sempre puntare al suo obiettivo: raggiungere la testa del drago con i migliori potenziamenti possibili. Nelle fasi avanzate, infatti, qualsiasi errore può risultare fatale, e questo obbliga il giocatore a concentrarsi fino alla fine. Questo è probabilmente il più grande punto a favore di EarthNight: il tasso di sfida crescente, affrontabile da chiunque e con una longevità convincente.

Quali sono, però, i difetti di EarthNight? Tralasciando la mancanza dell’italiano, il gioco soffre di un problema generale: la poca chiarezza nei contenuti. In questa recensione vi ho illustrato le basi di questo particolare videogioco, ma ci sono varie meccaniche che non vengono spiegate benissimo, e questo obbliga il giocatore a testare i contenuti in maniera simile ad un trial & error. Non ho apprezzato questa sensazione di “poca chiarezza” perché mi ha dato alcuni problemi in determinate fasi di gioco. Oltre a questo, non mi ha convinto il comparto sonoro di Chipocrite, dato che l’ho trovato in alcuni casi strano e “fuori luogo”. Concludendo, una sezione di obiettivi e/o una classifica online avrebbe dato un’ulteriore man forte al titolo, e le sezioni di caricamento risultano più lunghe del necessario.

Concludendo, cosa posso dire di EarthNight? Devo ammettere che è un videogioco molto strano, con uno stile artistico insolito ed un gameplay estremamente semplice e dal sapore arcade. Il videogioco di Cleaversoft propone un’avventura in continua evoluzione grazie ai potenziamenti sbloccabili, e la longevità del gioco è spesso proporzionata a quanto il giocatore voglia spolpare appieno questo titolo (ed alla sua fortuna nel trovare gli oggetti giusti al momento giusto). Il gameplay base è molto semplice ed il gioco, col passare del tempo, è ricco di sorprese che gli permettono di risultare più interessante di quanto non possa sembrare. Comunque sia, questo è un videogioco estremamente legato alla natura più arcade e “solitaria” del genere, con un gameplay abbastanza legato agli Infinite Runner. Purtroppo questo prodotto possiede dei difetti che non vanno sottovalutati, ma credo che i veterani del genere lo apprezzeranno. Acquisto consigliato, ma sta a voi decidere se aspettare uno sconto.

EarthNight

EarthNight
EarthNight – Recensione
PRO
Gameplay base molto semplice, che sfrutta al massimo le meccaniche degli Infinite Runner
Quantità di contenuti crescente, così come la sua difficoltà
Level design d'impatto
CONTRO
Adattamento italiano assente
Alcuni contenuti vengono spiegati in maniera eccessivamente superficiale
I caricamenti del gioco sono spesso lunghi.
7.7
Caccia draconica!
Caporedattore