Roccat Horde AIMO

Roccat Horde AIMO: la prima tastiera con tasti “Membranical” – Recensione

Negli ultimi anni un videogiocatore PC non è più costretto a rincorrere hardware sempre aggiornato con componentistica top di gamma. Giocare in Full HD (1080p) con i settaggi alti e un buon frame rate è possibile anche con hardware di fascia media o con del buon usato. Quello che però potrebbe fare la differenza in un sfida online multiplayer è sicuramente l’utilizzo di periferiche di qualità. Parlando di periferiche di gaming e in modo specifico di tastiere, la prima idea che viene in mente è quella dei tasti meccanici. Roccat con la sua Horde AIMO cerca di stravolgere la tendenza, portando sul mercato una testiera con tasti ribattezzati per l’occasione in “membranical”, un compromesso tra membrana e meccanici, dove il punto di attuazione viene dichiarato preciso e reattivo in modo analogo a quanto accade con le meccaniche, mantenendo però una silenziosità tipica delle classiche tastiere a membrana. Verifichiamo quindi, se la soluzione ibrida proposta dall’azienda tedesca, mantiene quanto promesso e se esistono i presupposti per una nuova tendenza futura del mercato.

Specifiche tecniche

Modello in prova ROC-12-352-BK
Numero di tasti 121
Tipologia tasti Membranical (ibridi con base a memebrana)
Polling Rate 1000 Hz
Retroilluminazione Illuminazione a sei zone con 12 LED RGB
Materiali ABS
Dimensioni 50 x 17,5 x 3,5
Peso 1100 g
Lunghezza cavo 1,8 m
Connessione USB 2.0
Compatibilità OS Windows 10, Windows 7, Windows 8

Packaging e Bundle

La tastiera Roccat Horde AIMO ci giunge in una confezione tipica di un prodotto gaming dalla elevata qualità. Avvolta da un cilindro di pellicola trasparente, la scatola in tonalità nera mostra il logo felino del produttore seguito da una stampa che raffigura il prodotto. Il lato posteriore è caratterizzato da elenchi delle caratteristiche principali in svariate lingue. Purtroppo l’italiano è assente.

Aperta la confezione troviamo la tastiera e il suo poggia polsi separati e ben disposti all’interno. La restante dotazione in bundle comprende un libretto d’istruzioni per lo smaltimento, una serie di adesivi e un piccolo manuale che se girato diventa un poster (anche qui troviamo bel 17 lingue differenti, ma non l’italiano…). Non è presente alcun DVD per il software di gestione, infatti tra i requisiti di sistema è citato l’obbligo di una connessione internet, necessaria per driver, software di sistema e aggiornamento firmware.

Nel dettaglio

Il design della Roccat Horde AIMO è sicuramente molto curato, tanto da risultare comoda sia con, che senza poggia polsi, apparendo in entrambi i casi bella da vedere su qualsiasi scrivania. La colorazione nera a tinta unita del sample a noi fornitoci, potrebbe nascondere alcuni elementi decorativi, che sulla seconda variante grigio/nero proposta da Roccat risultano più evidenti e con un pizzico di aggressività tipica dei prodotti gaming. La preferenza tra le verianti è assolutamente soggettiva.

Roccat Horde AIMOSempre lato design, riteniamo doveroso sottolineare come la tastiera sia di dimensioni generose. I cinque tasti aggiunti sulla sinistra dedicati alle macro, la fila di tasti multimediali in alto con la curiosa ghiera sulla destra e i bordi generosi, fanno di questa Horde quello che chiameremo volgarmente “un tastierone”. Con questo non vogliamo criticare l’estetica, anzi riteniamo che lo spessore contenuto eviti l’effetto mattone sulla scrivania, ma allo stesso tempo chi non ha molto spazio a sufficienza dovrà tener conto delle dimensioni non proprio nella media. A favore di questo però possiamo dire che la tastiera grazie anche al notevole peso di 1100g e alla presenza di numerosi gommini antiscivolo, resterà sempre inchiodata nella posizione da noi scelta.

Roccat Horde AIMO
Da notare come la retroilluminazione sia visibile solo nella zona d’ombra a sinistra, mentre a destra risulta quasi impercettibile.

Come per una qualsiasi tastiera dedicata al gaming la Roccat Horde AIMO è munita di retroilluminazione, anche se in questo caso sono evidenti le differenze con una tastiera avente tasti meccanici. La retroilluminazione di tipo RGB è personalizzabile in differenti colori e effetti, sia direttamente da tastiera che tramite software di gestione proprietario. Tuttavia l’illuminazione non è dedicata per ogni singolo tasto, ma suddivisa in sei zone e con una intensità abbastanza scarsa, al punto tale da risultare quasi impercettibile nelle ore più luminose della giornata.

Roccat Horde AIMOPassiamo ora a quella che è la caratteristica peculiare del prodotto, ovvero la rotellina “magica” posizionata in alto a destra sulla tastiera. Come facilmente intuibile, questa di default ha il compito di regolazione del volume di sistema, ma in combinazione con i tasti multimediali può svolgere anche compiti differenti. Come regolazione volume microfono, modificare intensità e colore della retroilluminazione, fare lo scroll della pagina e persino comandare la modalità di visualizzazione di Windows (funzione Alt + Tab).

Roccat Horde AIMOElemento di sicuro interesse per i videogiocatori, sono sicuramente i cinque tasti macro. Questi sono programmabili tramite software di gestione proprietario di Roccat e univoco per tutti i suoi prodotti. Il software di gestione porta il nome Swarm ed è scaricabile da qui. Personalmente ho molto apprezzato la scelta di diversificare i cinque tasti macro con un’altezza inferiore rispetto ai restanti tasti, rendendoli facilmente riconoscibili e allo stesso tempo poco soggetti a pressioni involontarie. Assolutamente da non sottovalutare la presenza di una memoria interna da 512kb, con la quale si avrà la possibilità di memorizzare, per ognuno dei cinque tasti, più macro differenti da abbinare ad un determinato gioco o software. La memoria interna alla tastiera conserverà le macro rendendole funzionanti anche cambiando PC.

Impressioni d’uso

Abbiamo provato la Roccat Horde AIMO, sia in ambito gaming che nel’uso quotidiano con la digitazione di lunghi testi (tra cui qualche recensione, compreso questa). Non posso affermare con certezza se il merito sia della tecnologia proprietaria membranical, ma la digitazione su questa tastiera è una vera goduria. Precisione e velocità di risposta sono molto simili a quelli di una tastiera meccanica, con la differenza che la pressione risulta molto più morbida e la rumorosità ridotta al minimo.

Roccat Horde AIMORiguardo alla produttività, la tastiera presenta tutto il desiderabile e solo dopo poche ore di pratica verrà naturale cercare il tasto multimediale corretto o utilizzare la rotella per passare da una finestra all’altra senza toccare il mouse. La scrittura è molto comoda e il poggia polsi anche se rigido fa egregiamente il proprio lavoro. Il software di gestione poi nasconde tante piccole funzioni tutte da scoprire. Per esempio, provenendo sa anni di tastiere meccaniche, ho impostato un feedback sonoro in stile macchina da scrivere per la digitazione. Funzionalità sicuramente poco utili, ma che non dispiace averle.

Quello che riteniamo incomprensibile e che valuteremo assolutamente come aspetto negativo di questa tastiera, è la scelta di Roccat nel vendere il prodotto su suolo italiano con layout inglese! Molto probabile noi italiani non siamo molto simpatici ai tedeschi di Roccat… Ma le mancanze assurde non finiscono qui… Nel bordo alto a sinistra della tastiera è presente una scalanatura che l’azienda pubblicizza sulla confezione di vendita del prodotto, come innesto per supporti dedicati allo smartphone. Tali supporti sono realizzabili tramite stampante 3D, peccato però che il codice QR e il link riportato sulla confezione, portano ad una sezione non ancora attiva del sito Roccat e che molto probabilmente non vedremo mai…

Per quanto riguarda l’aspetto gaming, i tasti membranical offrono una velocità di attuazione di 7.8 ms, contro i 9.0 ms di media delle normali tastiere a membrana. Non a caso durante le nostre partite a Counter Strike Global Offensive e Fortnite non abbiamo riscontrato alcun problema di sorta, anche se la differenza con una meccanica di qualità si sente inevitabilmente.

Conclusioni

Ultimo aggiornamento: 2020-09-01 at 21:00

La Roccat Horde Aimo è una tastiera membranical, termine ideato dall’azienda tedesca per sottolineare l’elevata precisione e reattività della propria tastiera “a membrana” rispetto alla media comune. Proponendo prestazioni simili a quelle di una meccanica (senza raggiungerle) rilasciando un feeling morbido e silenzioso, tipico delle tradizionali tastiere a membrana.

Il punto di forza lo si trova nella comodità, dove non sarà affatto semplice trovare un prodotto superiore. A questo si aggiunge una qualità costruttiva elevata, dove la plastica abbonda rilasciando al contempo una sensazione di robustezza e rigidità.

La rotellina poi rientra nel completissimo sistema di personalizzazione denominato AIMO. Che dopo aver superato lo scoglio iniziale di una interfaccia grafica del software di gestione non proprio intuitiva, offre funzionalità utilissime sia per il gaming che per la produttività.

Chi cerca una retroilluminazione appariscente, resterà sicuramente deluso dai fiochi led di questa Roccat Horde Aimo, ma quello che fa veramente storcere il naso è l’assenza del layout italiano che se aggiunto ad un prezzo di €99,99 non sembra per nulla una proposta appetibile.

*Nota: Attualmente il prezzo della tastiera, nella stessa colorazione da noi testata, è sceso a €63,30, prezzo sicuramente molto interessante in rapporto alla qualità e prestazioni offerte dalla stessa😉

Roccat Horde AIMO
Roccat Horde AIMO: la prima tastiera con tasti “Membranical” – Recensione
PRO
Elevata qualità costruttiva e ottime rifiniture
Super comoda per la digitazione di testi
Ghiera e tasti macro la rendono super personalizzabile
CONTRO
Venduta in italia con layout "inglese"!!!
Retroilluminazione sottotono
Prezzo altino
7.8
Solo per anglofoni
Amministratore, Caporedattore, PR, Grafico