Her Majesty’s Spiffing – Recensione

Gli inglesi… un popolo attaccato ai vecchi valori e uniti come non mai, il loro patriottismo è secondo solo ai francesi e agli americani. Amano tutto del loro paese non disdegnando capatine in altre città ma rimanendo sempre ancorati alle loro tradizioni, che esso sia il tè delle cinque o le lunghe serate nei pub a degustare fish and chips davanti ad una buona birra. E cosa c’è di più apprezzabile e iconico se non quella piccola ma grande donna della Regina? Un amabile vecchietta che è capace di farsi amare ancora dal suo regno, come una favola antica, in uno dei pochi reami ancora in vita.

Ma questa popolazione sa anche che il suo potere è immenso e lo ha già dimostrato uscendo di netto dall’Unione Europea, senza paura e senza alcun timore reverenziale, ma se volesse puntare ancora più in alto? Se la regina e il suo esercito sentissero la piccola Inghilterra troppo stretta e volessero conquistare l’universo?

Il nostro protagonista… un po’ pasticcione ma molto simpatico

Ebbene si, questa è la folle idea alla base di questo gioco creato dalla BillyGoat Entertainment Ltd, sviluppatore indipendente con sede a Belfast in Irlanda che con Her Majesty’s Spiffing è pronta ad entrare nel folle mondo dei videogames proponendo un gioco pazzo, divertente e con richiami ai gameplay tanto amati negli anni ’90. Frutto di una eccellente campagna Kickstarter, questo gioco altro non è che un avventura punta e clicca che vi saprà conquistare, sicuramente ispirata a giochi come Monkey Island, ma con umorismo tutto suo e tipicamente inglese, una storia fresca e intrigante ma anche tanta tanta fantasia. Siete pronti sudditi?

Una Mini nello spazio Sir!

Oramai l’Inghilterra non ricopre più un ruolo di primo piano nell’economia mondiale e la regina, stufa di tutto ciò, decide di sciogliere le camere e inviare un equipaggio nello spazio per conquistare l’intero universo. Improvvisamente, all’interno del Big Ben, udiremo strani rumori, scorgeremo un enorme fiammata e finalmente scopriremo che il famoso orologio londinese non è altro che una navicella spaziale, la Imperialise 2, uno shuttle a forma, ovviamente, di una Mini anni ’90.

Her Majesty's Spiffing
Una mini nello spazio… British Style!

All’interno di essa due baldi eroi, il comandante Jack Lee English e il suo fido secondo John, sono pronti a seguire gli ordini di sua maestà e finalmente donarle l’impero che merita. Noi saremo alla guida di uno dei due protagonisti e ci troveremo di fronte a molti enigmi e tante gag tipicamente dense di humor inglese. La nostra missione non sarà proprio delle più facili ma con la giusta prontezza riusciremo a proseguire nella nostra avventura.

Dimenticatevi mostri cattivi, sparatorie e armi varie, ci troviamo dinanzi alla più tipica delle avventure punta e clicca e quello che dovremo fare sarà completare molte missioni per riuscire ad andare avanti nel gioco e cercare di arrivare alla fine anche se proprio nel livello finale ci troveremo al cospetto di due fastidiosi nemici, ovviamente due stranissimi ma tenaci francesi.

Bonjour monsieur… vive la France!

Tutto è gestito da una freccia, comandabile attraverso l’analogico destro, che ci permetterà di selezionare gli oggetti che a loro volta ci faranno visualizzare un menù con le azioni che potremmo eseguire. Avremo anche un inventario dove attingere agli eventuali oggetti che avremo raccolto durante il gioco e, come ovvio che sia, non tutto è banale come sembra, e molti oggetti dovranno essere analizzati bene per capirne il loro utilizzo. Ovviamente il movimento del nostro personaggio è affidato alla levetta analogica sinistra che ci permetterà di esplorare l’ambiente intorno a noi in totale libertà.

Considerazioni finali

God save the Queen… e l’Irlanda, ma soprattutto Belfast e i ragazzi di BillyGoat Entertainment Ltd che sono riusciti a donarci un avventura davvero buona e con molti acuti di eccellenza. La grafica è semplice quanto maestosa (ehm Hail Elizabeth) con un ambientazione ben ricostruita, colori accesi e una definizione ottimale. Non è presente il benché minimo rallentamento e tutto gira spedito a 1080p/60fps costanti. Tutta la grafica richiama letteralmente vecchie glorie come Day of the Tentacle ma con un continuo strizzare l’occhio alla grafica moderna.

Her Majesty's Spiffing
Ai suoi ordini maestà!

Il gameplay è davvero divertente con molti enigmi davvero ben fatti e mai frustranti che vi permetteranno di non arrabbiarvi ulteriormente dopo una stancante giornata di lavoro o una terribile mattina scolastica e vi faranno ragionare ma divertendo. Molte sono le gag a cui assisterete durante il gioco ma dovrete apprezzare l’umorismo inglese per goderne appieno, una simpatia mai volgare e molto raffinata.

Anche i comandi sono semplici e facilmente assimilabili però bisogna segnalare purtroppo un fastidioso bug che al momento in cui scrivo è presente nell’ultimo livello e che purtroppo vi farà penare non poco ma gli sviluppatori hanno già inviato la patch correttiva a Nintendo quindi… niente paura!!! Rullo di tamburi, dulcis in fundo, habemus italiano. Ebbene si, anche se i dialoghi sono in inglese per non farvi perdere il tipico e divertente slang britannico, sono presenti a schermo i sottotitoli in italiano che in un gioco come questo, punta e clicca e con una storia alle spalle, sono fondamentali anche se in alcuni punti la traduzione non è proprio precisissima.

Her Majesty's Spiffing
Attenti a quei due!!!

Un punto a sfavore è sicuramente la longevità, in meno di 3 ore anche se intense potrete finire completamente Her Majesty’s Spiffing e non ci saranno validi motivi per rigiocarlo perché anche se tutto è molto bello e divertente, una volta finito il tutto, non sentirete il bisogno di un ulteriore partita. Non ci sono purtroppo altre cose da scoprire, angoli nascosti, oggetti magari da riprendere… tutto è lineare e non potrete andare avanti nel gioco senza risolvere un dato enigma. Il sonoro invece risulta molto buono anche se non raggiunge picchi di memorabilità che poteva assumere se si usavano canzoni di gruppi importanti londinesi come i Beatles o i Queen.

Ma quello che ci viene donata è un avventura punta e clicca molto ben sviluppata e che finalmente ci farà passare tre ore di pura spensieratezza… We all live in a yellow submarine? No, we all live in a Mini Shuttle!

 

Her Majesty’s Spiffing – Recensione
PRO
Allegro e spensierato
Buoni enigmi
Grafica molto gradevole
CONTRO
Estremamente breve
Umorismo non per tutti
7.4
Redattore