Il CEO di The Pokemon Company non credeva in Switch